lunedì 23 febbraio 2015

La Schiacciata alla Fiorentina, finalmente una vera ricetta da 10eLode! e tanti ricordi . .

Ok oggi ho voglia di scrivere.
Spero non abbiate fretta, se volete andare subito alla ricetta fate pure, ma ho le mani che pizzicano e non posso fare a meno di scrivere ciò che sento.
Ci sono delle ricette che mi danno veramente grandissime soddisfazioni.
Ed ho scoperto che prime fra tutte sono sicuramente quelle della tradizione Toscana, o comunque di famiglia, e se ottengo i risultati sperati la mia soddisfazione schizza ai livelli più alti. Soprattuto i dolci.
Ed ecco l'ultima. 
la SCHIACCIATA ALLA FIORENTINA!
A dirvela tutta questa ricetta non era in scaletta, sia perchè sono settimane che alle mie CTP del gruppo FB prometto la ricetta di una Torta (fantastica) di Carote & Mandorle light ma ho sempre altre ricette che passano avanti, sia perchè non pensavo che la Schiacciata mi venisse così bene quindi . . . gli devo dare la precedenza UNC'E'VERSI!!
Il motivo? perchè questo è un dolce che si trova a Firenze (badate bene Firenze non in Toscana) solo nel periodo del Carnevale, insomma allungando un po' i tempi fino a tutto febbraio o un po' più in là.
la Schiacciata alla Fiorentina!
Chi è di Firenze non può non amare la Schiacciata alla Fiorentina!
Ma come inganna il nome, non è una focaccia salata ma bensì . . . una focaccia dolce (come d'altronde la schiacciata con l'uva, d'altronde si sa noi Fiorentini siamo un po' burloni).
La Schiacciata si trova in tutte le pasticcerie e bar della città, non ce n'è una che la metta in bella vista nella vetrina, con il suo bel giglio decorato nel mezzo (non deve mancare!).
Ci sono poi le pasticcerie rinomate, dove è pure difficile trovarne una che avanzi la Domenica, meglio non rischiare e prenotare .  . mai succedesse che si rimanga all'asciutto.
Ricordo che la Schiacciata alla Fiorentina non mancava mai alle feste in maschera o alle feste di compleanno che cadevano in questo periodo.
Per quanto mi riguarda da piccina non mi faceva proprio impazzire, ma dire che non mi piaceva era quasi un'offesa, quando il mì babbo tornava a casa si vedeva subito dalla confezione che cosa c'avesse nel vassoio, ed era talmente contento e soddisfatto che sarebbe stato impossibile dirgli che non non ne volevi nemmeno una fettina.
E poi tanto la maggior parte delle volte ce la comprava farcita di mousse al cioccolato (ma si trova anche ripiena di panna montata) e quindi alla fine non era così tanto sacrificio mangiarla! ahahah

Ricordo che mia mamma ogni tanto provava a farla, ma non sempre i risultati erano quelli voluti, o non lievitava abbastanza o lievitava troppo (si dice che non deve essere più di 3 cm in altezza) o il sapore non era quello caratteristico che la contraddistingue, insomma pure essendo una torta semplice a base di uova, farina e zucchero con succo di arancia, difficilmente riesci a rifarla come quelle che compri. Anzi l'impresa era davvero ardua.
Non chiedetemi perchè. 
E' sempre stato mistero.
 Forse fà parte del suo fascino?
In effetti se fai una ricerca su internet, ne trovi tantissime versioni, chi mette il lievito di birra con almeno 24 ore di lievitazione, chi mette il limone invece che l'arancia, chi addirittura aggiunge un pizzico di noce moscata, ma poco mi fido e ricordandomi che anch'io avevo tentato molti anni fà, con risultati deludenti non avevo il coraggio di rifarla.
Ho cercato un po' le origini di questo dolce, sapete che mi piace curiosare, ma purtroppo non ho trovato molto, sembra che in tempi antichissimi di chiamasse "Schiacciata unta" perchè veniva utilizzato lo strutto per farla.
Curiosando anche nella mia piccola collana dell'Artusi ho trovato due versioni di questa sTiacciata (anche lui la chiama così) la "sTiacciata unta " e la "sTiacciata coi siccioli " che sarebbero i "ciccioli" cioè il residuo del grasso del maiale dopo che se n'è ricavato lo strutto . . .  ma, con tutto il rispetto per il grande Artusi, non credo farò mai nessuna delle due . .

Era già un po' di settimane che avevo in mente di farla, ma non avendo ricette collaudate non avevo trovato il coraggio di andare a tastoni . .
Poi l'altra settimana mentre ero a Firenze, arriva mia mamma sventolandomi un foglio con una ricetta scritta tanti anni prima e mi fà:
"Guarda ho trovato questa! Me la dette tanti anni fà un'amica del babbo che la faceva buonissima!"
Ecco vedi mamma quando ti impegni le ricettine me le trovi! Le dosi erano a cucchiaiate, come ogni Schiacciata alla Fiorentina che si rispetti, quindi finalmente avevo trovato una ricetta da provare.
E non con poca ansia, la cosidetta ansia da prestazione, mi ci sono messa di buona lena, con tutta la tranquillità e il rilassamento che solo in cucina posso trovare, e mettendoci un po' del mio  nel seguire il procedimento, un po' troppo sintetico, eccola qua:
LA MIA sTiacciata PERFETTA! 
(no non è un errore a Firenze si dice così!)

Non so se chi non l 'ha mai assaggiata prima se può capire, ma vi assicuro che questa è davvero "conforme all'originale" e solo un fiorentino ad hoc può capire cosa voglio dire.
La sua sofficità, il suo profumo e sapore inconfondibile, la sua leggerezza . . . avete presente quando vi viene da chiudere gli occhi ad ogni morso?
Ecco esattamente così, ad ogni morso ti lasci trasportare agli anni della tua infanzia, dell'allegria del carnevale e della condivisione della festa tutti insieme al pranzo della Domenica, ma sono solo cose che capisci quando . . oramai bambina non sei più (almeno per me è così).

Scusate se mi sono dilungata troppo, ma sono così contenta del risultato ottenuto che volevo condividere con voi anche queste emozioni che spero di avervi trasmesso almeno un po'.

Se la provate fatemi sapere, sono talmente orgogliosa di questa ricetta che voglio condividerla con voi con tutto l'affetto che posso.
                                
Vorrei fare una piccola premessa, questa ricetta è a cucchiai, come tante altre proprio per questo dolce.  Le cucchiaiate non sono abbondanti, come potete vedere dalla foto sotto, comunque per comodità ho aggiornato la ricetta, mettendo le dosi (approssimative) in grammi

Ingredienti:
(per una teglia rettangolare ca. 23x31)
- 6 uova a temperatura ambiente
- 30 cucchiai di farina 00 (circa 350-400 gr)
- 15 cucchiai di zucchero (circa 200 gr)
- 15 cucchiai di olio di semi (circa 60 gr)
- 15 cucchiai di latte (circa 80 gr)
- 1 arancia (buccia grattugiata e succo)
- 1 pizzico di sale
- 2 bustine di lievito per dolci

Montare le uova con lo zucchero
fino a che non saranno chiare, spumose e raddoppiate di volume, per me quasi 10 minuti.
Ecco un video che vi farà capire meglio:
video

A questo punto abbandonate la frusta ed usate un mestolo.
Unite al composto di uova metà della farina setacciata e l'olio, quando saranno ben amalgamati aggiungete l'altra metà della farina setacciata insieme al lievito.
Lavate bene l'arancia, aggiungete la scorza grattugiata
ed il suo succo.
Unite per ultimo il latte ed un pizzico di sale.
Quando il composto sarà ben amalgamato versatelo in una teglia 
(assolutamente!) rettangolare imburrata
mettetela nella parte bassa del forno.
Cuocete a 170° per 30-35 minuti 
(fate prova stecchino per me questa temperatura e questo tempo è stato perfetto!).
Quando sarà fredda spolverate di zucchero a velo, e se volete fare come me, ritagliate un Giglio di Firenze che invece riempirete di Cacao, che di solito viene usato per decorare
per distinguere la schiacciata farcita con la mousse di cioccolata,
ma a me piaceva così.
Dai per averlo disegnato a mano libera non è venuto così male no?
BON APPETIT!
 

 ed ecco come si presenta l'interno


Febbraio 2016
Febbraio 2017

56 commenti:

  1. Ciao Simo,
    è semplicemente spettacolare!!

    RispondiElimina
  2. Simooo pensa che io non ho mai assaggiato l'originale però mi stai tentando un sacco e mi sa che provo anche questa...decorazione perfetta...bravissima

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ale .... per me ogni ricetta che provi è un onore lo sai! sei così brava che pensare che tu fai una ricetta presa da me...mi riempie di orgoglio! grazie grazie grazie
      buona serata

      Elimina
  3. Veramente soffice questa schiacciata e sicuramente molto gustosa !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìsìsì è venuta proprio bona!
      a domani

      Elimina
  4. Ciao mi ha fatto piacere leggere questo post e conoscere questo dolce sono felice che tu finalmente abbia trovato una ricetta che ti soddisfi è così appagante trovare una ricetta che soddisfi il palato e che ti riporti indietro nel tempo con il suo sapore...sembra davvero soffice !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie per aver letto il post...è così lungo..che capisco chi non ha voglia!
      sìsìsì lo è davvero tanto
      grazie a presto

      Elimina
  5. wow ma che brava hai fatto anche lo stemma, sei un mito, ne ho sentito parlare di questo dolce ma a firenze mai mangiato, forse era il periodo sbagliato, bellissime le ricette legate alla tradizione, un patrimonio!! buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìsì lo trovi solo dopo le feste natalizie tutto febbraio e forse un po' fino a marzo, dipende dal carnevale.
      io fossi in te....ci tornerei! hahaha
      buona serata

      Elimina
  6. Wow, wow e ancora wow O_O questa ricetta è perfetta e la ricetta me la segno all'istante :-)
    Complimenti Simo e grazie x la tua partecipazione, ti inserisco subito in elenco e ti aspetto per la seconda proposta ^_*
    Buona giornata <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ma figurati grazie a te ...pensa che me ne sono ricordata perchè sono venuta sul tuo blog. non ci pensavo proprio più!
      meglio così
      grazie e buona serata

      Elimina
  7. nooo che favola!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!anch'io è tanto tanto tempo che vorrei provare a farla prima o poi ce la farò!!!bravissima, ne prendo una fetta e scappo!!!
    bacioooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sìsìsì dai prova, con questa ricetta vedrai sarà un successone
      un abbraccio e buona serata

      Elimina
  8. bellissima e buonissima l'ho fatta anche io tempo fa complimenti e grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. davvero Paola? e come l'hai fatta?
      ti è piaciuta?
      a presto

      Elimina
  9. wow anche il disegno a mano libera....bravissima!
    Deve essere davvero buona questa torta :)
    Un bacio grande

    RispondiElimina
  10. Mmm che sfizio! Non la conoscevo, non sono di Firenze, ma sembra molto buona. Complimenti, mi piace anche come l'hai decorata :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao Claudia! sono contenta di portare un po' di tradizione fiorentina anche a chi non la conosce.
      a presto e buona serata

      Elimina
  11. perfetta, piu' o meno la faccio anch'io cosi', pensa che io la uso come base per le torte decorate!!!!!!Ottima!!!!Baci Sabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai davvero? no dai noi assolutamente no base per torte...proprio torta! ahhaha
      baci a te

      Elimina
  12. Ha davvero tutta l'aria di essere perfetta. Ogni tanto essere un po' prolissi serve a scaricare, altre a dare voce a quel che si ha dentro: io sono arrivata con piacere a leggere fino all'ultima parola.
    Un abbraccio forte

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mi fà molto piacere ...
      a domani e grazie del passaggio e del commento!

      Elimina
  13. Ciao Simo, si, io ho letto fino all'ultima riga e soprattutto perché ho un debole per questo dolce. ho due amici che abitano a Firenze e mi hanno portato questo dolce l'anno scorso e anche quest'anno, l'ho conosciuto grazie a loro e dal primo morso mi sono innamorata! Non ho mai provato a rifarla, tanto era buona quella della pasticceria che mi sono subito scoraggiata pensando che non mi sarebbe mai venuta uguale! Ormai quest'anno è' troppo tardi, anche perché io vorrei fare diverse prove, tra le quali quelle con il lievito di birra è una lunga lievitazione, anch'io avevo sentito dire due giorni, ma il prossimo anno sarà nei miei dolci di carnevale quasi sicuramente!!!!! Grazie per i tuoi consigli, per la tua versione è per il tuo racconto! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Maddalena sei molto carina e quanto mi piacciono i commentONI così!
      sì infatti anch'io non ci speravo proprio, certo non sarà la ricetta originale ma per chi vuole fare qualcosa di più veloce senza però rinunciare alla tradizionale schiacciata alla fiorentina, mi sento veramente di consigliare questa ricetta
      anche perchè se è venuta a me...ti assicuro verrà a te e a chiunque altro la proverà!
      mettitela sul calendario 2016 allora! ahahah
      a domani
      ancora grazie di cuore

      Elimina
  14. COMPLIMENTI E' DAVVERO MOLTO INVITANTE E SEMBRA ANCHE SOFFICE .................UN ABBRACCIO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie Maria che bello vederti qui!
      buona serata

      Elimina
  15. Che bella, ti è venuta proprio bene e chissà che buona, bravissima Simo!!!
    Bacioni...

    RispondiElimina
  16. Che bello scoprirne di più su questo dolce che non ho mai assaggiato e che ora mi incuriosisce tantissimo!
    Dalle foto sembra essere delizioso!
    Un bacio grandissimo Simo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahah bene bene allora missione compiuta!
      grazie Marghe
      Buona notte a domani

      Elimina
  17. Mamma mia che dolce straordinario... grazie Simo per il bellissimo post e per questa golosa ricetta!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie a te cara delle belle parole
      Un abbraccione

      Elimina
  18. ma sai che non l'ho mai fatta? grave eh devo rimediare!!! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eeheh certo Fede...devi rimediare assolutamente!
      tanti baci a domani

      Elimina
  19. E' stupenda, Simo! Bravissima! E quanto deve essere buonaaaaaaa ^_^ Nemmeno io l'ho mai fatta, proverò! ;) Un abbraccio grande, buona serata :) :**

    RispondiElimina
  20. Ciao SimoCuriosa, piacere di conoscerti!
    Grazie infinite di aver voluto partecipare alla mia raccolta di ricette della memoria. Mi fa davvero piacere.
    Sono un pò in ritardo..... ma arriverò al più presto e inserirò anche la tua ricetta con il suo bel racconto.
    Complimenti e a presto!
    Tiziana

    RispondiElimina
  21. Appena inserita!
    Mi piace tantissimo. Grazie di esserti generosamente dilungata nel racconto. E' stato bello leggerti.
    Tiziana

    RispondiElimina
  22. Ciao,la tua ricetta mi sembra buonissima, complimenti!! Se volessi farla più piccola, diciamo la metà, basterebbe dimezzare le dosi? Grazie molte :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao sono contenta che ti ispiri! scusa il ritardo con cui ti rispondo ma purtroppo fino a sera difficilmente riesco a venire sul blog.
      Sinceramente non ho mai fatto mezza dose, però puoi provare dimezzando tutto.
      Però...è talmente buona che io...la farei dose intera!
      male che vada la dividi con qualche amico.
      fammi sapere ci conto
      anche se non so...il tuo nome...ti aspetto ancora

      Elimina
  23. Mi dispiace ma questa ricetta non ha niente a che vedere con la schiacciata alla Fiorentina, l'ho provata ed è risultata un bel mappellone, probabilmente per le dosi esagerate sono d'accordo con chi ha suggerito di dimezzarle. Comunque l'impasto non ha nemmeno la sofficita' di un pan di Spagna.��

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MI spiace Sara ma ho diverse amiche che l'hanno provata ed hanno ottenuto il risultato voluto, niente mallopponi e io l'ho fatta più volte, anche regalandola, e tutti sono rimasti soddisfatti.
      Per chiarezza la schiacciata alla Fiorentina non ha la leggerezza e la sofficità del pds, è un'altra cosa. Però è vero che vanno montate benissimo le uova con lo zucchero, tu hai seguito alla lettera la ricetta?
      Pensa che un'amica, che non gli venne, mi disse che aveva messo tutto nel robot...
      quindi ti consiglio di riprovare...
      fammi sapere!

      Elimina
  24. ps comunque se provi a contare ad es. i cucchiai di farina e li metti su una bilancia capirai che le dosi non sono per niente esagerate...

    RispondiElimina
  25. dubito che tu riesca a fare un dolce con 15 cucchiai di farina !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rispondo per educazione e per non dare l'impressione che lancio il sasso e poi tolgo la manina....ribadisco: la schiacciata non è risultata come tu la descrivi, le uova le ho montate con la PLANETARIA ed ho seguito alla lettera le tue indicazioni incuriosita dai commenti entusiasti. Devi cmq accettare che ci sia anche una sola persona che non ti fa i complimenti...mi spiace (la tua ricetta originale parla di 30 cucchiai di farina che corrispondono a 600 gr.di farina, con 15cucchiai e cioè 300gr. forse un mappellone non viene): se sommi tutti gli ingredienti viene una torta di 1400 gr. per una teglia 23x31 cm. Troppi....

      Elimina
    2. bene Sara, come promesso sabato l'ho rifatta e pesando le cucchiaiate (che trovi adesso nel post aggiornato), considera che le cucchiaiate non sono colme ma normali.
      Il risultato è stato il solito, e ti assicuro che si è dimezzata in un attimo perchè è piaciuta molto e non era un malloppone.
      Stasera metto la nuova foto dell'interno e forse..anche tu devi riprovare, sicuramente hai sbagliato qualche passaggio ... !
      fammi sapere

      Elimina
  26. certo che li accetto Sara, ci mancherebbe.
    Purtroppo non ho la planetaria e quindi non so proprio risponderti.
    Però guarda facciamo una cosa, avrei in programma di rifarla sabato, e rifarò tutti i passaggi come descritti nel post, vediamo come viene.
    Pensa che ieri ero da mia suocera e ho trovato questa identica ricetta fatta anni fà ... a conferma del fatto che in casa mia viene fatta da anni.
    E ti chiedevo se avevi seguito alla lettera la ricetta per capire appunto dove potrebbe essere l'errore..per evitare di farlo ancora o aiutare anche altre che hanno avuto la tua stessa difficoltà.
    Come dico anche qui quando le critiche servono per migliorare sia le mie ricette che le descrizioni dei passaggi non possono che farmi piacere!
    ti ringrazio per ora e ci aggiorniamo appena la rifaccio...!
    a presto..spero! :D

    RispondiElimina
  27. Ps: se leggi bene il post... anche lì spiego quanto è particolare questo dolce e anche la sua riuscita ! ;)

    RispondiElimina
  28. L'aspetto conferma la sofficità della torta, poi io adoro i dolci agrumati. Un bacione, buona serata.

    RispondiElimina
  29. Bellissima Simo! sai non l'ho mai fatta devo provarla sembra molto morbida. Baci

    RispondiElimina
  30. Grazie di aver partecipato..in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  31. Ciao!!! Ho provato a farla perché mi sembrava la ricetta più simile all'originale, poi il tuo racconto mi ha riportato a quando la mangiavo tutte le domeniche qualche anno fa e mi è sempre rimasta la voglia di riuscire a farla in casa!!! Però non mi è venuta soffice come la tua...in casa però c'era un profumo quando l'ho sfornata!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono contenta che la mia ricetta ti abbia colpito e che tu abbia provato subito a farla.
      Sinceramente io l'ho rifatta più volte ed è venuta sempre soffice . .
      hai seguito passo passo la ricetta? uova a temperatura ambiente, sbattere bene e non avere furia?
      dai riprova, mi piacerebbe che tu fossi pienamente soddifatta!
      A presto

      Elimina

Ogni commento è gradito, che sia un complimento o una critica e farò del mio meglio per rispondere a tutti.
Però per motivi di commenti spam che ultimamente stanno invadendo la mia messaggeria, non possono essere postati commenti anonimi.
Grazie. Simona