mercoledì 17 settembre 2014

Crostata Salata Selvaggia con Verdure e Mozzarella (Vegetariana)

Eccoci con una nuova ricettina molto sfiziosa e carina per queste ultime sere estive, e menomale! L'inverno sarà così lungo . .
Stasera sono a Firenze a casa da mammina e ci rimarrò fino a domani perchè mio babbo ha fatto di nuovo il birbone e per attirare l'attenzione su di sè s'è voluto rifare ricoverare in ospedale! ^__^
Ora ci scherzo perchè so che sta bene e domani ritorna a casa, ma come al solito ci ha fatto un po' spaventare . .  ma è bene quel che finisce bene ... giusto?
E' ricoverato in un ospedale a poche centinaia di metri dal Duomo e quindi non è così male andarlo a trovare, girando le strade del centro e respirando un po' di ricordi lasciati lì fra quelle mura, dove sono passata per tanti anni da ragazza.
Inoltre hanno ristrutturato una parte dell'ospedale e all'entrata ci sono vari affreschi ed una sala d'aspetto mega moderna che appena entri dici no ho sbagliato questo è un museo!! e sono convinta che l'ambiente stesso è importante per chi è ricoverato . . . e devo davvero dare un 10 e lode meritato!
Prima di cercare qualche dolcetto sfizioso ma rigorosamente leggero, per rendergli "dolce" il rientro, ma non troppo visto che non può mangiare molto, vi lascio questa ricettina presa da Sale & Pepe.
Ho fatto qualche modifica per renderla un po' più leggera, ho usato mozzarella e robiola invece della burrata, e ho usato il riso di chicchi selvaggi per rendere più allegra e colorata anche la base.
Certo la mozzarella e robiola sono tutt'altra cosa dalla burrata, ma vi assicuro che se mettete un po' di robiola su una fetta di mozzarella . . .  vi conquisterà!
                     
Ingredienti:
- 200 gr Riso Chicchi Selvaggi (o quello che più preferite)
- 1 mozzarella da 125 gr
- ca 100 gr di robiola
- 60 gr di parmigiano grattato
- 12 olive verdi denocciolate
- 2 zucchine piccole
- 2 cipollotti
- 100 gr pomodorini ciliegia
- 2 uova
- olio evo qb
- sale qb

Lessate il riso, scolatelo bene al dente e raffreddatelo sotto l'acqua corrente.
Mettetelo in una terrina con il parmigiano, le olive fatte a pezzettini e aggiustate di sale.
Unite anche le uova sbattute
Ungete una teglia, versateci il riso comprimendolo leggermente sia sul fondo che lungo i bordi, 
mettete la carta forno con fagioli secchi e cuocetelo per una 15na di minuti a 180°, 
poi levate la carta forno e cuocete per altri 10-15 minuti stando attenti che non si secchi troppo.
Nel frattempo pulite le zucchine, tagliatele a rondelle e fatele soffriggere in un po' d'olio dove avrete già imbiondito i cipollotti tagliati fini.
Dopo 5-6 minuti aggiungete anche i pomodorini puliti e tagliati a metà
e cuocete per circa altri 5 minuti, mescolando di tanto in tanto per non farli attaccare. Regolate di sale.
Aggiungete anche la mozzarella tagliata a pezzetti e un po' di robiola mettendola qua e là.
 
Passate ancora  in forno 2-3al massimo per far sciogliere un po' la mozzarella e servite.
BON APPETIT!
 
 

 la fetta

lunedì 15 settembre 2014

Cupcakes al Cioccolato Bianco & Cocco con Sorpresa (e Frosting) di Lamponi

Di solito non metto dolcetti di Lunedì, dobbiamo stare riguardate almeno durante la settimana no?
ma questa volta ho ceduto, sono troppo buoni e carini e soprattutto i lamponi stanno finendo quindi spicciatevi!!!
E poi insomma cominciare la settimana così è sicuramente più piacevole  . . 
dolce!!! o no???
Pensate che li ho fatti ieri . . . e già avevo voglia di condividerli con voi . .  mi saranno piaciuti?
Questa ricetta l'ho trovata QUI, dove troverete tante altre ricette carine, e ho fatto pure il Frosting ai Lamponi, visto che sono riuscita, non so come, a levarli dalle grinfie di mio marito!!!
Evidentemente sono stata più rapida di lui! ahaha

Non so come mai ma questo fine settimana aveva voglia di cocco, sarà la dieta che seguo che mi crea delle "voglie" inappagate, e quindi c'ho dato dentro visto che il fine settimana mi concedo qualcosa in più, mi sono levata tutte le voglie facendo sia la TORTA DI COCCO A POIS che questi Cupcakes.
Inizialmente l'idea era solo di fare la torta, ma poi vedendoli mi è venuta voglia di farli perchè era davvero tanto che non li facevo e così . . . .
Anche se sono stata bravissima e non ho esagerato, anzi, ho pure consumato un sacco di calorie, quindi erano più che merititati.
Certo stasera sarà dura resistere perchè qualche avanzo c'è ancora, e vederli lì che dicono "mangiami mangiami" sarà una tortura, ma vedrò di farcela!

La base dei Cupcakes è davvero buona, ho solo fatto delle modifiche perchè appunto oramai avevo il cocco il testa!   Per la ricetta originale vi invito a clikkare QUI


 Ingredienti:
(per 6 cupcakes)
- 90 gr di farina
- 50 gr di farina di cocco
- 1 uovo
- 100 gr di zucchero
- 40 gr di burro a temperatura ambiente
- 80 ml di latte
- ca. 90 gr di cioccolato bianco
- 1 cucchiaino di lievito
- 1 pizzico di sale
Per il Frosting di Lamponi:
- ca. 80 gr di lamponi più una dozzina da lasciare interi
- 40 gr di burro
- ca. 200 gr di Philadelphia in panetto
- 125 gr di zucchero a velo
Per decorare:
- lamponi interi
- farina di cocco qb
- zuccherini qb

Mettete subito fuori il burro dal frigorifero in maniera che si ammorbidisca un po', io l'ho stemperato qualche secondo nel microonde perchè, come al solito, avevo fretta!
Fate a pezzetti il cioccolato bianco e scioglietelo nel microonde, in modo che quando lo utilizzate si sia raffreddato
Mettetelo in una terrina e montatelo con lo zucchero, unite poi anche l'uovo senza mai smettere di sbattere.
In un'altra terrina setacciate le farine, il lievito ed il sale
 ed aggiungeteli al composto, alternandoli con il latte e continuando a mescolare.
Unite per ultimo il cioccolato bianco, oramai freddo ed amalgamate bene il tutto.
Versate nei pirottini (per me di alluminio) imburrati un paio di cucchiai di composto, mettete un lampone, e coprite con il resto del composto, ma ricordatevi di non riempirli più di 3/4.
Infornate a 180° per un massimo di 20 minuti, facendo prova stecchino, poi fateli freddare bene
(io li ho preparati il giorno prima)

Preparate il Frosting:
Sbattere il burro con il Philadelphia, aggiungere lo zucchero a velo ed i lamponi frullati

(qualcuno li setaccia a mano per levare i semini a me invece vanno bene così).

Mettete in frigo a riposare almeno una 20na di minuti

Riprendere i vostri Cupcakes, livellateli levando un po' di calotta 

Decorate con il Frosting con l'aiuto della sac a poche, (io non sono tanto brava e si vede), decorate con un lampone e spolverizzate con della farina di cocco e con degli zuccherini colorati se volete
Si mantengono in frigo tranquillamente un paio di giorni!

BON APPETIT!

  (per la torta a pois vi aspetto Venerdì!!)


e l''interno



ti potrebbero anche interessare:


venerdì 12 settembre 2014

Torta Magica al Cocco . . anch'io mi sono fatta convincere!

Ed ecco che anch'io ho provato la  TORTA MAGICA ma AL COCCO.
Mesi fà impazziva sul web e sui gruppi FB, le opinioni erano molto contrastanti, chi ne parlava bene, chi male, chi la odiava, chi la amava e proprio per questo ero curiosa di provarla, ma sinceramente non aveva attirato mai troppo la mia curiosità, nemmeno quella al cioccolato.
Poi l'ho visto qui da Vale e quando ho letto "al Cocco" mi si sono alzate le antennine  e mi sono decisa . .
Anche se a dirla tutta sul suo Blog Vale Cucina e Fantasia non c'è niente che non mi ispira, ho un elenco di ricette da provare che non finisce più.
Ma ahimè . . .  in questo periodo mi stò dando una regolata sull'alimentazione, quindi nonostante la "gola" da tenere a bada è difficile già a cose normali, per me che ho il blog e il gruppo su FB . . è una vera tortura!!!!
Però il dolce la domenica me lo concedo, e spesso quando durante il fine settimana andiamo a cena fuori, i desserts difficilmente "catturano" la mia curiosità e le mie papille gustative e ho imparato . . che il dolce me lo faccio da me e me lo mangio a casa!  (uff ma prima non ero così che dite è un difetto delle fooblogger o succede solo a me??)
Almeno non sono calorie . . sprecate . . non so se mi spiego ah ah ah!!

Insomma tornando a noi ho voluto provare e sono rimasta molto soddisfatta!!
Quindi per me la TORTA MAGICA AL COCCO è approvata però . . .
c'è un però . . è assolutamente indispensabile tenerla in frigo e mangiarla fredda, altrimenti non riuscirete ad apprezzarne in pieno il sapore.
Come vedrete dal procedimento, dopo che si è freddata va messa in frigo coperta con una pellicola, ma poi non tenetela a temperatura ambiente, lasciatela lì!
Ve lo dico perchè assaggiandola non la trovavo nulla di chè (tant'è che per andare a pranzo dai  miei non ero convinta e ne ho fatta un'altra) e l'ho snobbata lasciandola in frigo anche tutto il pomeriggio.
Mangereste un budino a temperatura ambiente? NOOOO!
Infatti quando la sera siamo rientrati e l'abbiamo assaggiata, sono rimasta di stucco, ed ecco per me la vera magia . . ahahah
La "magia" di questa torta è che durante la cottura "cuoce" in tre strati: la base che rimane sottile e morbida, lo strato centrale che rimane tipo budino e la parte superiore che diventa dorata come una torta qualsiasi.
Allora vi ho convinti?
Se vi piace il cocco vi consiglierei anche di aumentare un po' la dose di cocco, diminuendo quella di farina.
Ho seguito la ricetta la temperatura e il tempo di cottura alla lettera, ma per il mio forno la superficie si è forse dorata un po' troppo, quindi per gli ultimi minuti ho coperto con un foglio di alluminio, ma devo dire che per la parte "magica" (cioè centrale) della torta è stata perfetta. Quindi vedete voi se abbassare un po' la temperatura e allungare un po' il tempo.
Vi riporto la ricetta che ho seguito che è quella originale di Vale ma se volete leggere anche qualche altro suo consiglio andate QUI.
A me sapete perchè è piaciuta tanto?  perchè mi ricorda il latte alla portoghese che faceva la mamma quando ero piccina, con la crosticina sopra ed il cuore morbido  . . .

Ingredienti
- 4 uova a temperatura ambiente
- 500 ml di latte caldo
- 150 gr di zucchero semolato (per me fruttosio)
125 grammi di burro fuso freddo
- 60 grammi di farina 00
- 50 grammi di farina di cocco
- 1 pizzico di sale
- 1 cucchiaio di acqua
- 1 cucchiaino di succo di limone
- zucchero a velo qb

Sciogliete il burro nel microonde e fate freddare bene
Montate gli albumi con il succo di limone, ma non devono essere a neve ferma quando saranno bianchi andranno benissimo.
Montare i tuorli con lo zucchero fino a che non saranno chiari e spumosi, poi aggiungere l’acqua, il burro ed un pizzico di sale, unite poi anche le due farine.
Unire anche il latte appena caldo continuando sempre a sbattere ed infine unire anche gli albumi,
Mescolate con in mestolo di legno o una leccapentola e fate amalgamare bene
Versate il composto, molto liquido, in una pirofila rivestita con carta forno 
infornate a 150 ° per circa 1 ora e 20.
(se vedete che cuoce troppo in superficie coprite con carta di alluminio)
Fate freddare la torta a temperatura ambiente, copritela pellicola trasparente e metterla in frigo per almeno 2 ore, dopo di che levatela dallo stampo, 
tagliatela a pezzi e spolverizzate con zucchero a velo.
Per avere il massimo, mi raccomando, ricordate di servitela ben fredda!

BON APPETIT
&
BUON FINE SETTIMANA A TUTTI!!

(sperando che ci regali un po' di sole!)






giovedì 11 settembre 2014

Silikomat - II puntata . . . !!!!!

E quanto ti arriva una mail dove ti comunicano che vogliono proseguire la collaborazione con te, non ha prezzo!

Soprattutto se si parla di

chi non la conosce?

Vi invito a fare un giro sul loro nuovo bellissimo
SITO

dove potrete trovare tutti i loro prodotti, le novità e tante ricette . . . fra cui qualcuna delle mie,  
Oppure volete fare un dolce per una ricorrenza particolare? volete stupire?
Per un compleanno? Per il vostro anniversario? o pensate già al Natale?
 QUI troverete tutto quello che vi occorre!!!
Dal semplice stampo ad utensili per il Cake Design

Ed ecco con cosa mi sbizzarrirò:

*Stampo in silicone "Jack" Linea Easy Choc


Ma permettetemi di parlarvi un po' di questa grande azienda.
propone una vasta gamma di prodotti ricercati ed innovativi. Funzionali, pratici e belli riescono a soddisfare le esigenze di tutti coloro che amano cucinare. I prodotti Silikomart, nel mercato, si distinguono per il design ricercato e si riconoscono per l’ottima qualità del silicone e la produzione MADE IN ITALY.
L’uso del silicone in cucina consente ottimi risultati e notevoli vantaggi.
Grazie alla sua resistenza, stabilità e flessibilità termica viene utilizzato fino a temperature che variano da -60°C a +230°C. Il silicone inoltre è un materiale elastico e antiaderente che resiste ai fattori di invecchiamento. Da sempre Silikomart si è adoperata per poter offrire ai propri clienti un prodotto di primissima qualità. Per questo tutta la produzione è rigorosamente MADE IN ITALY e adopera il migliore silicone in commercio ovvero il silicone liquido platinico al 100%. Si tratta di un materiale di altissima qualità, idoneo alle normative alimentari, completamente atossico, inodore e insapore. Rispetto agli altri tipi di silicone quello platinico è il più puro e capace di garantire la piena alimentarietà del prodotto. Non contiene componenti tossici, ha il minor contenuto di sostanze volatili e trova comunemente impiego nel delicato settore medicale. Silikomart dedica grande attenzione ai controlli di qualità per garantire sempre al cliente un prodotto completamente affidabile e in linea con tutti gli standard normativi. Sicurezza, qualità e prestazioni, unite allo straordinario design dei prodotti, fanno di Silikomart il vero specialista del silicone in cucina. L'azienda negli anni ha sempre investito e creduto molto nella ricerca per poter proporre ai propri clienti prodotti sempre nuovi che potessero dare spunti e un aiuto a tutti gli amanti della cucina e a coloro che si avvicinano a questo nuovo mondo. Silikomart ad oggi detiene ben due brevetti: il SAFE RING, l’anello studiato per conferire maggiore stabilità allo stampo e EASY CREAM, con la tecnologia messa a punto per realizzare gelati su stecco con gli stampi in silicone.

Ma se non siete ancora convinti, e vi capisco perchè lo ero anch'io ecco qua qualche spiegazione pratica sui

VANTAGGI DELLO STAMPO IN SILICONE:
FLESSIBILITÀ
Quando viene piegato torna alla forma originaria.
SALVA SPAZIO
Richiede poco ingombro.
INFRANGIBILITA’
Non si rompe nè si danneggia rispetto agli stampi in altri materiali (es. vetro, metallo, etc.).
STABILITA’ TERMICA
Copre ampiamente il range della temperatura di cottura: da – 60°C a + 230°C.
MANUTENZIONE PRATICA
É lavabile in lavastoviglie.

STOCCAGGIO OTTIMIZZATO
Possibilità di consumare solo una parte della preparazione, conservando il resto in frigo.
VERSATILITÀ DI UTILIZZO
Può essere messo direttamente dal forno/microonde al frigorifero/freezer e viceversa.

PLUS DELLO STAMPO IN SILICONE SILIKOMART
QUALITÀ DEL SILICONE É costruito con silicone liquido LSR.STABILITA’ E RESISTENZA TERMICA
Maggiore stabilità e resistenza termica rispetto agli stampi in metallo.
STABILITA’ AL PROCESSO DI INVECCHIAMENTO Garantite 3000 cotture.ATOSSICO
Assenza di elementi tossici.

CONFORMITA’ CE
I materiali utilizzati sono conformi alle normative CE.
INODORE
Lo stampo in cottura non sprigionano odori.
NON ORIGINA FUMO
Lo stampo in cottura non rilascia fumo

CONFORMITA’ FDA
I materiali utilizzati sono sottoposti a test che rispettano i parametri FDA.
SICUREZZA GARANTITA
É sottoposto ad un trattamento termico che dura mediamente 6-7 ore (eliminazione di eventuali residui di sostanze nocive volatili).
AMPIA GAMMA
Offre diverse opzioni di imballo, colore e forme.

SAFE RING
É dotato di anello di supporto removibile brevettato nelle gamme Classic, Fancy & Function.
DETTAGLI MINUZIOSI
Riproduce fedelmente tutti i dettagli della forma.
DESIGN ACCATTIVANTE
Per la fantasia in cucina.

CUCINA SALUTARE E DIETETICA
Non servono burro o altri grassi per ungere lo stampo.


E se volete conoscere i segreti di grandi chef come Montersino, Ardovino, vi consiglio di fare un giro QUI , nell'Angolo degli Chef, troverete le loro ricette! (Scusate se è poco)

Se invece volete scegliere comodamente i loro prodotti da casa vostra potrete andare nel loro sito e consultare QUI i loro cataloghi

Insomma per me
   
è una garanzia di prodotti di qualità e di grande resa . . .
 vi ho convinti o no?
. . . ALLA PROSSIMA RICETTA!